Il vulcano Irazù – Nome e leggenda

La montagna del tuono

di Gabriele Rivolta

 

Sembra che il nome Irazú derivi dalla parola indigena Iztarú che significa ‘Montagna del tuono’. E’ conosciuto da costaricensi come “Santa Barbara della natura” a causa delle ventitré eruzioni registrate dal 1723. Il Vulcano Irazù è oggi considerato un vulcano buono, stabile e dormiente ed è diventato un luogo per la coltivazione di fragole e altre attività agricole.

 

 

La leggenda del nome Irazù

 

Vi è anche una versione differente sulle origini del nome Irazù che vale la pena di essere raccontata.
Molti anni fa, prima dell’arrivo degli spagnoli in Costa Rica e di Juan Vasquez de Coronado fondatore di Cartago, Iztarú, figlia del capo di Coo, fu offerta in sacrificio al vulcano per fermare la furia del Cacique di Guarco, Grande Signore di Purrupura.La leggenda narra che Iztarú, figlia di Coo, una volta gettata nel vulcano, fece saltare in aria il cono e con essa tutta la grande montagna. Tutti i popoli in tutti gli angoli del Nolpopocayán (America centrale) sentirono la furia di Iztarú. Dopo l’eruzione Guarco pianse vedendo la sua terra coperta di cenere, mentre la sua popolazione nuotava nel fango. Guarco si ripromise di raggiungere la pace, promessa che portò a compimento. In una semplice eruzione Iztarú ottenne la pace e la vita tornò a fiorire nei villaggi di Aquitava, Churruca, Chicagres e Chumazara.

 

 

Parco Nazionale del vulcano Irazù

 

Da San Jose un viaggio di meno di sessanta chilometri, vi porterà fino al cratere principale, una gita molto popolare tra i turisti. La salita inizia poco prima di Cartago e vi porterà ai cinque crateri del vulcano. I più interessanti sono il cratere principale e quello chiamato Diego de la Hoya che oggi ospita un profondo e affascinante lago di acqua verde smeraldo. Con i suoi 6.000 acri di superficie, il parco è popolato da interessanti specie animali e vegetali. Vale la pena visitare il Vulcano Irazù, avrete l’affascinante possibilità di vedere un vulcano da molto vicino!

Anche il viaggio presenta aspetti piacevoli, avrete la sensazione di galleggiare sopra la foresta e sopra le nuvole. Portate vesti pesanti, la temperatura scende di circa quindici gradi rispetto alla città. Ogni volta curva della strada fornisce una nuova prospettiva mozzafiato della foresta e della città di Cartago.

 


 

L’entrata

 

Poco prima dell’entrata, gli agricoltori allestiscono, sul ciglio della strada, banchi per la vendita di ortaggi e latticini di produzione locale. Siamo finalmente arrivati ​​all’ingresso del vulcano Irazù! Pagato il biglietto d’entrata, che per i non residenti è di $ 10, verrete accolti da un gruppo di amichevoli Pizote, chiamati anche Coati, in sostanza un cugino del procione. Vi divertirete guardando le loro buffonate. Il Coati assomiglia molto a un procione, ha però un muso più lungo e sottile. Sono felici quando arrivano i turisti, perché rovistano i bidoni della spazzatura, sicuri di trovarvi del cibo. Anche se fa freddo in vetta, lo stesso è tonificante per camminare fino al bordo del vulcano Irazù. La eta è il piccolo lago al giallo verde che sa di zolfo. In vetta, a 3500 metri di quota, troverete un paesaggio lunare, sabbia polverosa nera e pareti di roccia. Nelle belle giornate potrete vedere i due oceani, verso nord la vista si estende fino al lago Nicaragua.

 

Grazie per la tua lettura e il tuo sostegno. Lascia un piccolo commento in calce a quest’articolo, è importante per me.

Se vorrai saperne di più sulla Costa Rica, iscriviti al mio gruppo Facebook Costa Rica un viaggio da sogno. Pura vida!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TRAVELVIAGGIO

  •   Travelviaggio - Punta Cocles - Entrada Caracola - 06604 Puerto Viejo de Talamanca - Limon - Costa Rica

  •    Mobile: +506 5710 0240

  •    Mail: travelviaggio@travelviaggio.net

GALLERY

CONTACT US



© Copyright 2014 by Travelviaggio.net